Intervista a Mark Donato: un periodo di rinascita artistica ed i proventi di "Please Stop" per Caritas Ukraine

Intervista a Mark Donato: un periodo di rinascita artistica ed i proventi di "Please Stop" per Caritas Ukraine


 
Intervista a Mark Donato: un periodo di rinascita artistica ed i proventi di "Please Stop" per Caritas Ukraine
 
Abbiamo fatto quattro chiacchiere con Mark Donato, dj producer toscano che fa musica fin dal 1999. Spesso le sue canzoni, ad esempio "Karmalove" e "Sueno Arabe", vengono selezionate da Spotify per prestigiose playlist come "Spotify Italia Release Radar". Con Federico Scavo, anche lui toscano, qualche tempo fa ha prodotto "Last Night Francesca St. Martin", un brano uscito su Universal... la sua musica Mark Donato la definisce Popcorn, ovvero pop e non solo. "In questo momento post Covid mi sto dedicando alla produzione musicale. La mia musica su Spotify sembra piacere molto", spiega l'artista, che è un periodo musicale sicuramente ricco e felice.
 
 
Com'è nato "Please Stop", il tuo nuovo singolo? E' un brano lento, in cui riecheggia una dolce voce infantile... 
 
La canzone è uscita il 3 maggio e da venerdì 6 è in Release Radar di Spotify. Come dice il titolo, è un inno alla pace. Tutti i proventi della canzone derivanti dalla canzone sono devoluti a Caritas Ukraine.
 
Quali sono le tue radici musicali? 
 
Le mie radici le ho messe nel 'terreno' della musica degli anni 80, quando mio padre lavorava in radio e io ascoltavo gli Alan Parson Project.
 
Che sound stai proponendo in questo periodo?
 
Amo il pop melodico internazionale, sia quello britannico sia quello statunitense.
 
E per qualche che riguarda locali e divertimento? Che tendenze e/o novità ti sembrano degne di nota? 
 
Credo funzionerà sempre di più tutto ciò che fa show e intrattenimento, sia a livello musicale sia scenografico. 
 
E a livello musicale, cosa balleremo nell'estate 2022?  E tu, che musica ascolti in questo periodo?
 
A me piace ascoltare di tutto senza escludere nessun artista e nessun genere. Se proprio devo scegliere, allora scelgo lo stile dei Meduza. Secondo me è il top!
 
Come vedi il presente ed il futuro di chi fa musica da ballo, ovvero propone un bel mix di cultura e divertimento?
 
Il presente lo vedo piuttosto statico e monotono. Il futuro invece lo vedo con più social e meno radio. Noi produttori musicali dobbiamo aggiornarci, stare al passo con i tempi.
 
A che punto ti senti della tua carriera musicale? 
 
Mi sento in bel periodo di rinascita artistica. Ogni mio progetto musicale è come un bambino, da aiutare a crescere in ogni modo!
 
//
 
MARK DONATO SU INSTAGRAM
https://www.instagram.com/markdonatofficial/
 
MARK DONATO SU SPOTIFY
https://open.spotify.com/artist/4LOqmKh1QqIFZApffuLnEu?si=Z-hnxsuHT3qOwnLky1Pjfg
 
 
 

Articoli correlati

Interviste

Intervista a iL dOnO: “Fuori dal Nulla”, è il nuovo Album dell’alt-rock band in stato di grazia

14/06/2022 | Bookpress

Con il nuovo album il dono continua la sua evoluzione sulla pelle del rock... Il quartetto romano rispolvera stavolta sonorità new wave con intromissioni sinfoniche su u...

Interviste

Parla Dj Lopez, Athletic Dj che mixa, videomixa... e corre forte!

10/06/2022 | lorenzotiezzi

      abbiamo incontrato dj lopez, che con la sua label clubhouse music e tanti dj set regala ritmo ed emozioni. Lo fa con release e musica, da ballare in giro p...

Interviste

Intervista a Luca Speranzoni, autore del romanzo “Quarantine Prophets - Futuro fragile”.

09/06/2022 | Bookpress

Luca speranzoni (pavullo nel frignano, 1983) è uno scrittore specializzato in sceneggiatura cinematografica e in narrazione romanzesca. Di tanto in tanto scrive anche di...

424242 utenti registrati

17010548 messaggi scambiati

13318 utenti online

21215 visitatori online